background
VARIE CICLISMO PODISMO PODISMO

16 luglio 2018 Nuovo logo del Marathon Bikecliccalogo 2019 Ideato da Stefano Cherubini l'autore tra gli altri del logo della Grosseto Castiglione e di canapone.

19 Maggio 2018 Era ormai diventata un simbolo non solo per noi del Marathon Bike. Tante gare assieme a lei, tanti episodi  ci legano e ci legheranno a lei. Il più simpatico (per modo di dire!) quanto “Spaccalunotti” nei suoi raid notturni la colpì frantumando il  vetro davanti. Il più bello? 11.11 ore 11 al matrimonio della super atleta Sacchini. 199 gare e un matrimonio, niente male per una quattroruote.cliccaP1130009 Ieri ha detto basta proprio dove era nata 14 anni fa, ovvero nel piazzale della bmw. Sembra una pagina del libro cuore invece mi girano tanto i... Un brutto colpo per il  Marathon Bike, perché anche se non ha mai parlato, ha detto tante cose in questi anni pieni di successi condivisi con lei. La mitica ammiraglia che dalla prossima settimana andrà, come tante altre normali, allo sfascio della ditta Busisi.

13 Maggio 2018 Devo dire la verità ho perso il conto dei titoli italiani  vinti da Stefano la Rosa, che con orgoglio dico del carabiniere Stefano La Rosa. Forse sono 8, forse di più, senza contare quelli giovanili. Quanti ricordi mi legano a quello che oggi è forse il più forte e completo mezzofondista-Fondista che abbiamo in Italia. Un’atleta capace di corre i 1500 metri in 3.40 e la maratona in poco più di 2.11, oltre a  Stefano c’è un certo Daniele Meucci, battuto proprio ieri a Ferrara. Tornando alla gara di ieri il (nostro) portacolori dei Carabinieri, che da tanti anni milita nella formazione militare bolognese, dove è passatooltre a chi chi scrive, e anche uno dei più longevi atleti del Marathon Bike ovvero Vittorione Mongili. Altre epoche, e soprattutto altri ritmi e risultati per la peppa, questo bisogna subito sottolinearlo. Per Stefano si tratta del 3° titolo nazionale vinto nei 10000 metri, dopo quelli del 2008 e 2009 e del 9° titolo assoluto incluso cross e mezza maratona. Nelle 2 precedenti vittorie ai Campionati Italiani dei 10000 metri, le prestazioni cronometriche erano state nettamente più blande  di ieri: nel 2008 vinse in 29.52.95 e nel 2009 in 29.57.29.Il tempo di oggi, 28.36.86, rappresenta il suo 5° tempo in carriera, dopo le prime 3 prestazioni ottenute a Palo Alto, con 28.13.62 il 29/4/12, 28.19.36 il 4/5/14, 28.24.42 il 2/5/15 e 28.34.54 a Bilbao il 3/6/12. Si tratta quindi della migliore prestazione ottenuta in Italia (precedente 28.42.55 a Cagliari il 6/6/15).Nella gara di ieri La Rosa ha preceduto in volata Daniele Meucci, a sua volta vincitore di 3 titoli nazionali nei 10000 metri (come La Rosa), nel 2006, 2007 e 2010, che ha concluso la gara in 28.38.94, a 2 secondi da La Rosa. Insomma un fine settimana davvero da ricordare sia per il Marathon Bike, che per il carabiniere (forse appuntato!) Stefano La Rosa!

26 aprile 2018 Mai nessuno come lui. Ora non esageriamo, ma noi maremmani ci teniamo stretto il nostro "Mago" Malarby. E' ormai consolidato che con i suoi scatti è un valore aggiunto per una manifestazione sportiva. Peccato averlo "scoperto" solo ora. Detto questo Roberto ha aperto un sito fotocorseinmaremma.com dove troveremo davvero di tutto, forse un giorno anche il palio dei Muli di Vetulonia! Il suo sito da ora in poi sarà pretente e raggiungibile mediante un linK su questa colonna!!

Malarby visto da un'obiettivo Marathon Bike!malarby

 

 

 

11 agosto Classifiche Poker d'agosto. Foto della prima tappa.fotocorseinmaremma.com REGOLAMENTO regolamento 12 agosto

CLASSIFICA ASSOLUTAPOKER CLASSIFICA

CLASSIFICA CATEGORIE POKER CLASSIFICA

SECONDA PROVA FILARE INFO TROFEO FILARE

 

8 agosto Sotto tutte le classifiche della prima prova del Poker d'Agosto con qui accanto le prime foto,clicca SiLVNPeiRCzqqQS6. Altre foto in serata fatte dal fotografo ufficiale Roberto Malarby sul suo sito fotocorseinmaremma.com Per i commenti sul sito dell'angolo del Pirata.cliccattp://www.langolodelpirata

CLASSIFICAclassi 1

CLASSIFICAclassi 2m

 

CLASSIFICA ASSOLUTAPOKER CLASSIFICA

CLASSIFICA CATEGORIE POKER CLASSIFICA

SECONDA PROVA FILARE INFO TROFEO FILARE

TERZA PROVA POZZO CAMORRA INFO CAMORRA

QUARTA PROVAANGOLO PIRATA INFO Angolo del Pirata docx

 

ATTENZIONE Ad integrazione del regolamento del Poker d’Agosto, si comunica che oltre a premiare i migliori di categoria dopo le quattro prove (andranno 6 bottiglie di Chianti classico), il Marathon Bike ha deciso di premiare anche chi totalizzerà più punti di tutte le categorie delle due fasce . Al vincitore assoluto, che si aggiudicherà il poker, andrà un prosciutto più sei bottiglie di Chianti classico + Trofeo. Come per le  premiazioni finali di categorie, il vincitore dovrà essere necessariamente presente all’ultima prova. Questi i punti assegnati, non hanno niente a che vedere con i punti di categoria, al primo assoluto andranno 20 punti, al primo di fascia, anche nell’eventualità a di un’unica partenza, 18, al secondo di fascia 15 al terzo 10, al quarto 8 e al quinto assoluto 5. Quindi in poche parole ci saranno due classifiche distinte e separate, quelli delle  rispettive categorie e quella a punti per stabilire il vincitore del poker d’agosto.

cliccaGRIGLIA

PRIMA PROVA VETULONIA INFO VETULONIA

 

REGOLAMENTOPOKER d'AGOSTO

5 luglio 2018 La polacchina fa 510… avendo la testa a Canapone quasi quasi la sua splendida vittoria di Bolsena passava inosservata. Sotto l’articolo del Tirreno.

clicca4-7-2018 la polacchina fa cinquina a Bolsena tirreno

1 luglio 2018 Guardando la classifica di Monterotondo sembra che il tempo si sia fermato agli anni novanta per non dire prima.. Marco Rotelli primo Fois Cristian secondo e  Claudio Nottolini terzo. Tra le donne prima la Municchi seconda la Mazzoli e terza la nostra  Cristina Gamberi. A muovere la colonna delle vittorie di categoria per Merlini Paolo. Qui una bella foto scattata a  Marco alla corsa di Ribolla (Malarby) è  un monito di come vanno fatti i ristori, di come va dato il bicchiere.cliccarutelli m Spesso purtroppo questo passaggio molto importante viene sottovalutato e una corsa può prendere una piega diversa in fatto di consensi. Qui accanto il sito di malarby dove si possono visionare e scaricare le foto dell'evento.FOTO MALARBYfotocorseinmaremma.com Sotto la classifica.

CLASSIFICA classifica monterotondo

30 giugno 2018 Nelle  cronache della storia della città di Grosseto, ci sarà anche la data del 29 giugno 2018, ovvero l’accezione delle tre torri faro al velodromo “Montanelli”. Una vittoria per quelli che da anni chiedevano questo intervento , che appunto ieri sera si è materializzato. A giovare delle tre torri gemelle, non saranno solo gli appassionati di podismo o di ciclismo, ma tutti i cittadini di Grosseto e villeggianti. Ieri sera tra quelli che hanno preso parte in qualche moto alla passeggiata (249!) più la somma dei presenti alla inaugurazione, senza andare molto lontano dalla verità, al Montanelli c’erano oltre 600 persone. Per il Marathon Bike è la 201^ manifestazione messa in piedi dalla nostra costituzione. A bocce ferme, quando tutti sono andati via, chi scrive ha fatto un giro in “solitaria” ed è stato veramente bello e  emozionante diciamo senza smentita, che il nostro gruppo sarà ricordato anche per aver contribuito a questa serata molto particolare per la città di  Grosseto. Nella foto il sindaco ripreso da Malarby Roberto 

FOTO MALARBYfotocorseinmaremma.com

 

28 giugno 2018 “E pur si  Move” una frase  pronunciata da Galileo Galilei riferendosi alla  Terra  che ruotava intorno al Sole e non il contrario. Aveva ragione! Si muove, ed era l’ora, anche la casella dei nostri donatori, con  lo scatto di Alessio Mazzi che in settimana ha donato al centro trasfusionale di Grosseto, addirittura il Plasma. Una donazione tranquilla senza l’assillo di nessuno, senza una media o un chilometraggio da percorrere. Una donazione molto importante, non tanto per il Marathon Bike che porta a 142 i suoi donatori di sangue,  dalla conta iniziata dalla morte del caro Maurizio Baroni, ma per il beneficiario a cui andrà il preziosissimo liquido. Bravo  Alessio, avanti un altro, perché di sangue c’è sempre bisogno, di giorno di notte e anche il 15 d’agosto purtroppo!.

23 giugno 2018  Visto che  la coppia Boscarini-Polacchina quando vincono non fanno più notizia, il Marathon Bike  si concentra e gioisce per il ritorno alle competizioni di Mario Cerciello. Infatti alla bella manifestazione di ieri sera a Orbetello “Mariogepetto” ha concluso la sua prima corsa dopo un periodo di riposo super  forzato.cliccacerciello Oltra alla vittoria della Polacchina, la 509^ per il nostro gruppo,clicca071 509 si segnalano le vittorie di categoria di Mazzi Alessio  del “Sindaco” Loriano Landi e della scatenata Cristina Gamberi. Sotto le foto a cura di Roberto Malarby (cliccare nel mezzo della foto centrale)cliccafotocorseinmaremma.com e la classificacliccaclassifica

21 giugno 2018 Sotto volantini e regolamento della nostra manifestazione "Poker d'Agosto"

PRIMA PROVA TROFEO VETULONIA

SECONDA PROVATROFEO FILARE

TERZA PROVATROFEO POZZO CAMORRA

ULTIMA PROVA TROFEO ANGOLO DEL PIRATA

REGOLAMENTO GENERALE

17 giugno 2018 Evidentemente per noi del Marathon Bike porta bene Montepescali. Anno scorso  dopo una rimonta pazzesca arrivò la vittoria del “Nocciolo”, quest’anno il “numero” l’ha fatto Alessio Minelli. Insomma non si esclude che il nostro gruppo un giorno organizzi una gara proprio nel bel paese sopra Braccagni. Che dire di oggi? Abbiamo 5-6  corridori che possono vincere, questo ovviamente se da una parte crea qualche problema tattico, dall’altra ci sono delle situazioni dove tutto gira alla perfezione ed eccoti la vittoria, e che vittoria.  Bravissimo  Minellone e bravi tutti quelli che oggi si sono dati daffare. Intanto il Bassi Andrea continua a vincere la categoria. Ieri è stata la sua 11^ dopo i titoli con i Viligi del Fuoco e la grande prova  della Crono di Scarlino. Sotto i volantini del Poker d’agosto.

15 giugno 2018 Il Marathon Bike nel settore ciclismo riparte da zero, anzi no da 200. Duecento infatti sono le gare organizzate dal nostro gruppo in questi 14 anni di attività. Una nuova sfida con la creazione  di quattro gare ciclistiche organizzate con la Uisp con la collaborazione dell'aAngolo del Pirata, proprio in un periodo molto particolare: agosto. Il Poker d’agosto infatti andrà in scena proprio nel mese che solitamente è fatto per andare in ferie, etichettato come il mese più caldo e torrido dei 12 mesi, anche se con questo tempo bizzarro, non è escluso che troveremo un tempo decisamente mite. Quattro gare a partire dall’8 agosto con i 60 chilometri del Bozzone con un finale decisamente interessante. Poi il 15 d’agosto la gara di Bagno di Gavorrano con il classico giro di Filare con il finale adatto a tutti anche se sarà inedito ovvero proprio alle prime case di Filare. La terza prova praticamente piatta con l’arrivo a Ribolla. Anche in questo caso i chilometri saranno 60. L’ultima e decisiva prova sarà la collaudata gara del Pirata a Scarlino, con un finale da veri scalatori dopo aver percorso un totale di 65 chilometri. Presto i volantini delle gare, accanto quello generale. cliccaPOKER di AGOSTO

13 giugno 2018 Quando si fa beneficienza non si sbaglia mai, quando si aiuta una persona in difficoltà pure. Solitamente viene fatta senza farlo sapere, senza sbandierarla al mondo. Insomma quando si fa beneficenza non lo si dice o lo si sbandiera. Non è il caso però della raccolta a scopo benefico che ha fatto il Marathon Bike e altri con Nicolino Grasso. Qui non c’è una persona benevola che ha aiutato il prossimo. Qui c’è stato un aiuto collettivo di diverse società podistiche compresa la nostra, per una giusta causa, in questo caso per aiutare Nicola. Giusto allora che chi ha partecipato alla raccolta (molti!) sappia come è andata a finire. Bene, benissimo, tant’è  che sia il sottoscritto che  Roberto Malarby e Fabio Giansanti, siamo rimasti colpiti da tutti quelli che hanno contribuito. Ai tanti vanno i ringraziamenti di Nicola Grasso e i nostri. La cifra raccolta di 1485 euro, si commenta da sola. La beneficienza andrebbe fatta 3 volte al giorno, ma questo non è mai stato possibile, non è possibile, e non sarà mai possibile. E allora guardando nel nostro orticello, è sembrato doveroso aiutare Nicola piuttosto che altre persone in situazioni di difficolta identiche, o addirittura peggiori. Su questo credo siamo tutti d’accordo.

27 Maggio 2018  Per la Peppa questa volta Michela Brusa ce l’ha fatta! E’  notizia di qualche minuto fa la vittoria  del Michelina in quel di Cecina. Prima donna assoluta. Vince, ma la categoria, anche Monestiroli Angelica a Tivoli. Oggi al Marathon Bike gli uomini la 100 e alle  donne il podio…

24 Maggio 2018 Sotto le foto scattate ieri alla SCALA SANTA. In copertina Giancarlo Ceccolungo.

Foto fotocorseinmaremma.com

clicca CLASSIFICA scala santa 2018

cliccaALBO D'ORO SCALA SANTA 2018

23 Maggio 2018 Lucio Margheriti su Fabio Giusti e Stefano Ferruzzi. Cala il sipario con questo bel terzetto,  arrivato frazionato nell’ultima gara di questo inizio stagione. Una stagione funestata da temporali, ovviamente al Bozzone di acqua se  né vista davvero poca, compreso oggi durante lo svolgimento del Trofeo Scala Santa. Ultima gara di inizio stagione e ultima gara targata Acsi, in futuro si vedrà. Do 14 anni di collaborazione, un inatteso è incredibile epilogo,  porta il Marathon Bike a percorrere altre strade, addirittura a gambe elevate. Sotto la classifica di oggi mentre le foto di Malarby e Butteri le posteremo prossimamente.

 

FOTO MARGHERITI (butteri)

FOTO MARGHERITI malarby

FOTO MARGHERITI malarby

 

18 Maggio 2018 Un arrivo a braccia alzate di Rosi Leonardo cliccarosi che si impose su "Brunetto" e il Nocciolo. Fu questo l'epilogo della prima edizione della gara della "Scala Santa". Era il 17 maggio di anno scorso. Mercoledì si ripete con l'unica eccezione dell'arrivo sportato 200 metri più avanti per motivi di ordine pubblico. Sotto il Volantino e l'albo d'oro.

ALBO D'ORO SCALA SANTA 2018

scala salta s volantino

FOTOEL DIAVOLINO pp.goo.gl/GrPe68Zm9vTKhcBx2

17 Maggio 2018 Disponibili le speldide foto di Malarby Roberto scattate ieri al "Diavolino". In copertina Marco Giacomi delle "Querce" fotocorseinmaremma.com .

CLICCAFOTO BUTTERI1

CLASSIFICAdiavolino 2018

ALBO D'OROALBO D'ORO DIAVOLINO 2018

 

16 Maggio 2018 Stafano Marchetti a braccia alzate alla “corsa del diavolino” di questo pomeriggio al   Bozzone. Oltre al bel forcing finale di Marchetti con il quale ha staccato tutti, ha fatto senso in fatto che a pochi chilometri da dove si correva noi,  c’era un temporale davvero importante che poteva davvero mettere in difficolta non solo i corridori ma tutta l’organizzazione. Invece da noi c’è stato in prevalenza il tempo bello. Insomma il “Diavolino” questa volta ha fatto il buono, facendo svolgere tranquillamente la gara ai 61 partenti. Sotto la classifica ufficiale e le foto realizzate da Butteri Alessandro. Le foto di Malarby RobertoCLICCA Un'anteprima vinci in serata sul sito fotocorseinmaremma.com . La cronaco della gara sull'angolo del Pirata langolodelpirata

 

 

13 Maggio 2018 Finalmente ci siamo anche noi! Andrea Bassi vince la crono in ricordo del grande Maurizio Stella. Sotto le foto, più tardi le classifiche e considerazioni varie.

CLASSSIFICAmemorial stella maurizio

FOTOhttps://photos.app.goo.gl/PzuaT4visV0WkKui1

11 Maggio 2018 Pivano-Nucera-Rezzani, fu questo l’ordine di arrivo della “Corsa del Diavolino” edizione 2017. Una volata ristretta a 5 unità che vide appunto la vittoria di Piovani. Mercoledì prossimo si ripete la gara che vide nelle prime due edizioni imporsi “Brunetto”. Rispetto  agli altri anni è cambiato sia il percorso, con i monotoni ma spettacolari giri sotto gli abitati di Buriano e Vetulonia, sia l’arrivo che sarà posto 200 metri più avantiCLICCA.arrivo w Sotto l’arrivo di anno la classifica e l'albo d'oro

CLICCAarreter

CLICCA arrivo CORSADEL DIAVOLINO agg

CLICCAALBO D'ORO DIAVOLINO 2018

9 Maggio 2018 Sanetti ha vinto il Memorial Luciano Frosini di questo splendido pomeriggio  scarlinese. Ha vinto andando via praticamente subito e arrivando da solo al traguardo. Per dire la verità era stato ripreso da Tarallo Vladimiro, ma lo ha staccato nella salita finale. Insomma  se oggi si  fosse girato fino a notte fonda, “brunetto” avrebbe vinto lo stesso. Quando il viterbese ha queste giornate bisogna prendergli subito le ruote. Si ma dal bagagliaio della macchina.. Al secondo posto come detto  il mitico “tarallone” da Civitavecchia che ha preceduto il nostro Marathon Bike “fotomodello di Sticciano” ovvero Bacci Francesco, che hanno scorso da perfetto sconosciuto vinse tre corse e poi come… La stagione comunque è ancora lunga e mercoledì c’è il ”Diavolino” al Bozzone con il percorso cambiato. DIAVOLINO DIAVOLINO (nuovo)

Info di come si è svolta la gara su:langolodelpirata.it

FOTOhttps://photos.app.goo.gl/HZ4p5y5heuU9fAXk9

CLassificaIMG_20180509_173910

Acqua, vento, grandine,  ovvero quando il meteo fa cilecca.  Infatti è quello che si è verificato alla “Mineraria” i Bagno di Gavorrano di questa mattina, dove se non c’era stata l’allerta meteo di ieri, poco ci mancava. Invece tutto è filato liscio con una corsa organizzata magistralmente dai ragazzi dell’associazione “Gente Comune di Gavorrano” con noi del Marathon Bike e Acsi. Niente cadute e acqua che ha sporcato nel finale solo l’asfalto. Quarantanove partenti che hanno dato veramente spettacolo nel famoso anello di Filare, che tante battaglie ha visto negli anni passati. E’ stato proprio degli artefici di qualche anno fa, in un famoso arrivo che tutti si ricordano ancora. E' stato proprio lui ha lasciare “il segno” in questa gara con arrivo in volata:  Daniele Macchiaroli, e tutti vissero felici e contenti. Non proprio tutti… vallo a dire agli amici Brunacci, Bensi, Nocciolini, Roggiolani, Minelli e Fabianelli che praticamente erano andati subito in fuga arrivando addirittura ad avere quasi 2 minuti di vantaggio. Poi cosa sia successo dietro per recuperare così tanto ad dei super corridori che andavano pure d’accordo, ce lo dirà l’angolo del pirata nel suo articolo di questa sera.

FOTO SCATTATE QUESTA MATTINA

CLASSIFICA5 trofeo la mineraria

CLICCAmacchia 1

ALBO D'OROALBO D'ORO LA MINERARIA

21 aprile 2018 Come dà tradizione il primo di maggio si corre a Bagno di Gavorrano.Sotto l'albo d'oro della Manifestazione e il volantino.Un prosciutto alla squadra più numerosa.

Martedì 1° Maggio la mineraria

ALBO D'ORO LA MINERARIA

18 aprile 2018 A Luca Nesti il Trittico D’Oro cicli Tommasini, a “Brunetto” Sanetti la vittoria odierna. Cala il sipario della 12^ edizione di questa  manifestazione che ha dato il là alle corse di mercoledì da queste parti. Un regolamento molto particolare che premia indistintamente il più bravo di tutte le categorie, purchè alla partenza si presentino almeno 5 atleti ovviamente della categoria interessata. Discutibile? Certamente, come tutte le cose della vita di tutti giorni. Dal Trittico Tommasini deve uscire un solo vincitore assoluto, e quello spilungone di Luca Nesti è stato il più bravo in questa edizione. Punto.CLICCA nesti-sanetti Ritornando alla corsa di oggi, ha stradominato “Brunetto” dà Viterbo che ha fatto quello che ha voluto. E’ andato in fuga al primo giro con un grande Alessandro Guidotti, per poi andarsene tutto solo alla fine del terzo giro. Il percorso reso durissimo da vento, lo si è potuto notare dalla “spicciolata” di corridori che arrivavano  al traguardo via via. Come il caso di Nucera Giovanni, poi a seguire da Nocciolini Adriano (vincitore di fascia!) a seguire da Staccioli Luca, per un momento sembrava veramente di assistere ad un arrivo di una cronometro. Questi i vincitori di finale del trittico. Juinior, Ludovico Cristini, Senior 1, Sanetti Bruno, Senior 2, Stella Salvatore, Veterani 1, Nocciolini Adriano, Veterani 2, Bassi Andrea, Gentleman 1, Rigozzo Vincenzo, Gentleman 2, Nesti Luca (vincitore del Trittico!) Supergentleman “A” Franco Bensi, Supergentleman “B” Lari Massimo. Tra poco le foto, per il commento dettagliato domani su langolodelpirata

FOTO MALARBY ROBERTO

FOTO BUTTERI E MARATHON BIKE

CLASSIFICAtrittico tommasini

16 aprile 2018 Chi vincerà il Trittico Tommasini 2018? Senza girarci tanto intorno, il nome dovrebbe uscire dalla coppia di testa Nesti-CristiniCLICCAcristinesti che nelle due prove hanno totalizzato 60 punti, la somma derivata dalle rispettive vittorie di categoria. Dietro il vincitore delle ultime due edizioni ovvero “Brunetto” Sanetti che di punti ne ha totalizzati 50 avendo vinto una prova e arrivato secondo dietro Cini, la seconda. Sempre a 50 punti c’è Stella Salvatore che potrebbe dire la sua. Per chi ancora non ha  compreso bene il regolamento lo sintetizzo, proprio ipotizzando la vittoria dei due  amici al comando: allora per  prima cosa nelle rispettive categorie devono essere necessariamente  non meno di 5, sennò verranno automaticamente  decurtati i punti, ovvero se si è  in 4 prenderanno 20 punti, se solo tre alla partenza 10. Nel caso  invece che tutto sia regolare e che le categorie sia in numero sufficiente, in caso di vittoria di entrambi conta il miglior piazzamento di fascia: fino a 44  la fascia di Cristini e da 45 in poi per Nesti. Se anche in questo caso gli stessi concludessero  la gara vincendo la categoria e arrivando (ipotizzando quinti entrambi nelle rispettive fascie!), la vittoria del trittico Tommasini andrebbe a Cristini, che nelle due precedenti prove si è piazzato meglio nella propria fascia di Nesti. Molto probabile che mercoledì si facciano due partenze sempre che una delle due fasce non siano meno di 30 corridori. Premi ai primi di categoria  del punteggio finale del Trittico, che però dovranno essere presenti mercoledì.  Mercoledì 18 aprile (Trittico 3^ )Volantino inf INFORMAZIONI

CLASSIFICA GENERALE classifica a punti dopo la 2 tappa 20

ALBO D'ORO

 

foto malarby roberto in corsa

FOTO ARRIVO E PREMIAZIONE

15 aprile 2018 Diago giuntoli il più bravo, Adriano Nocciolini il “più” donatore di tutti. Si è conclusa così la nona edizione del Donatore di sangue disputata  questa mattina a Castiglione. Hanno vinto i più forti perchè anche se la partenza è stata unica  considerato che si sono presentati in 54. Diego ha fatto l’ennesimo assoluto, mentre il “Nocciolo” ha “mirato” al donatore che ha messo in bacheca per la terza volta in nove edizioni.CLICCA sindaco e nocciolini Tra le donne volata emozionante tra le tre ragazze che si sono presentate al via, con la nostra Manuela Bandaccheri che ha battuto le senesi Elena Bargagli e  Sara Cannoni, giunte rispettivamente seconda e terzaCLICCA.le treragazze Nella giornata di donmani saranno postate le foto sia della premiazione che quelle del fotografo ufficiale Roberto Malarby che era alla "Scala santa" Più tardi il commento di ANDREA ANDREAOTTI

CLICCAclassifica

 

14 aprile 2018 Domenica  prossima  a Castiglione della Pescaia, inserita nel calendario delle giornate europee, prenderà il via il 9°  “Trofeo del Donatore di Sangue”, manifestazione ciclistica  amatoriale riservata  agli enti della consulta. Come sempre organizzata dall’Avis provinciale e dal Marathon Bike di Grosseto, patrocinata dalla Provincia di Grosseto e dal comune di Castiglione della Pescaia. La gara prenderà il via alle ore 9,30,  in via Cassiopea dove  sarà  posto anche l’arrivo. La prima edizione, disputata nel 2010, vide la vittoria di Paolo Sacchi, mentre nel 2011 fu la volta di Fabio Goracci. Nel 2012 il trofeo andò ad Adriano Nocciolini, mentre nel 2013 con un finale poderoso, ad alzare le mani al cielo, fu il grossetano Giorgio Cosimi che fu anche primo assoluto.  Bis del castiglionese Adriano Nocciolini,  che si aggiudicò il trofeo 2014, mentre nel 2015 a Cinigiano, ad imporsi fu il pientino Giulio Cappelli. Nell’edizione del 2016 la spuntò il civitavecchiese Vladimiro Tarallo. Vittoria assoluta e primo donatore per lo sticcianese Francesco Bacci, che beffo tutti arrivando solo al traguardo di Ribolla a braccia alzate nell’edizione 2017. E proprio al primo donatore  di sangue che taglierà il traguardo domenica mattina a Castiglione della Pescaia, andrà il prestigioso trofeo messo in palio dall’Avis.

TROFEO DEL DONATORE 2018

INFORMAZIONI TROFEO DEL DONATORE 2018 1

REGOLAMENTOREGOLAMENTO CORSA DEL DONATORE 2018

 

9 aprile 2018 Sotto le foto scattate ieri a Buriano. Alcune sono bellissime, specia quelle di malarby Roberto, altre decisamente meno belle. Sono quasi 500! Intanto incerto l'esito finale per l'assegnazione del Trittico. Attenzione al regolamento che in caso di parità tra due atleti di diverse categorie, vince chi arriva meglio l'ultima prova, ma nella fascia di appartenenza anche con partenza unica.Prima fascia sino a 44 anni, seconda da 45 in poi!. Ovviamente ci sono molte possibilità che nella corsa di mercoledì le partenze siano 2 proprio, per rendere più giusta l'assegnazione del buttero. In copertina Manuele Bandaccheri con la Svizzera Sybille, nuova entrata in casa Marathon Bike.

FOTO

CLASSIFICAclassifica CLICCAclassifica

CLASSIFICA GENERALE classifica a punti dopo la 2 tappa 20

ALBO D'ORO

11 aprile 2018 Lassù dove mise la firma  per l’ultima volta in compianto Andrea Nencini, oggi è sbucato tutto solo Fabio Cini, da  Colle Val  D’elsa.CLICCAcini Si è conclusa così la seconda prova del nostro Trittico che nonostante le condizioni climatiche avverse, e con un arrivo decisamente tosto, ha portato a Buriano 84 cristiani. Al secondo posto “Brunetto” Sanetti , e terzo il super Alessio Minelli.Da segnalare la prima volta della Svizzera i Weidner Erdema Sybille, tesserata Marathon Bike, che è andata veramente bene. Sotto la classifica di oggi, più tardi la classifica generale e domani nella nostra galleria le foto. Per i commenti più tardCLICCAi a cura di Andrea Andreotti ovvero il Pirata

18

10 aprile 2018 Dove si è cacciato Brunetto da Viterbo? I record nascono per essere battuti, ma quello realizzato da Sanetti, che tra il 2016 e il 2017 ha vinto 6 prove di fila del Trittico, la vedo dura che venga battutto presto.”CLICCAbuttero Il filotto di 6 vittorie è stato interretto quest'anno con la vittoria di Luca Staccioli nella prima prova.Sotto alcune informazioni.

CLICCAALBO D'ORO CIcli TOMMASINI ufficiale 2018

CLICCAclassifica a punti dopo la 1 tappa 2018

SECONDA TAPPAINFO

TERZA TAPPAINFO

 

8 aprile 2018 nome nell’albo d’oro del Memoriale Marisa Rocchi,  manifestazione che si è svolta questa mattina a Istia D’Ombrone CLICCA.giacomi primo Tutti contenti di questa vittoria per il corridore delle “Quercie”, anche se oscura un pochino la  bella prova dei nostri ragazzi ovvero di Giorgio Cosimi e Adriano Nocciolini giunti rispettivamente  secondo e terzo all’arrivo.  La cronaca vede un  grande assolo di Alessio Minelli, che prima che gli prendessero i crampi, aveva fatto sperare nella 499 gara assoluta cinta dal marathon Bike tra ciclismo e podismo in questi 14 anni di attività. Se qualcuno ci chiedesse se siamo soddisfatti del numero dei partenti o meno, ovviamente la risposta è no! Cinquanta partenti non è un boccone da leccarsi i bassi, ma noi vediamo il bicchiere mezzo pieno…. Non è caduto nessuno, è stata una bellissima gara, e allora se quando le cose devono andare male così, ci riteniamo soddisfatti aspettando giorni migliori in fatto di presenzeFoto TROFEO ROCCHI 2018

CLASSIFICA18° Memorial Marisa Rocchi

 

 

13 agosto 2018 L’altra sera alla Castel del Piano al Tramonto, non è stato battuto il record  di partecipanti, né tantomeno  è stato  migliorato il tempo sul percorso sia tra gli uomini sia tra le donne. Ma un record, se non mondiale poco ci manca, è stato battuto. E’ quello di Boscarini che è riuscito, in una sola volta, ad essere immortalato ben 4volte su una sola pagina di giornale!! Incredibile ma vero.clicca32_5991ff5d86 Quattro foto di uno sportivo amatoriale e  anche anche, non  si erano mai viste. Grande lo “Squaletto”, ma forse la pagina è stata modificata ad arte... Tornando alla gara di Castel del Piano, e alle foto scattate da Malarby, (stiamo cercando per lui uno sponsor per pagargli almeno le spese per le trasferte!) una foto ci attanaglia di curiosità. E’ quella scattata all’amico Pietro dà Siena immortalato spesso con il telefono in mano durante una gara. Qualcuno ha pensato che  si porta dietro il telefono perché ha paura che la moglie gli legga i messaggi. Altri che il buon Pietro è reperibile al lavoro, e in caso di chiamata si fionderebbe alla macchinaclicca.DSC_3882 La terza ipotesi, forse la più probabile e simpatica, è quella che abbia paura di perdersi nei percorsi  che si intrecciano nei viottoli dei paesini. Boo. Pietro facci sapere ti scongiuriamo!! Altra foto scattata sempre da Malarby e quella che ritrae lo sprinter di Cristina Gamberi, che gli è valsa la prima posizione di categoria. Davvero una foto degna di nota.cliccaDSC_4179

foto malarby fotocorseinmaremma.com

ALBO D'OROALBO

12 luglio 2018 Bella, bella, bella, abbiamo assistito ancora ad  una grande manifestazione a  Castelel del Piano, messa in piedi dagli amici del moto club. Passano gli anni ma “Castel del Piano al tramonto” regala sempre belle emozioni e senza ombra di dubbio mi verrebbe  da dire che è  “una corsa di un’altra categoria” ma forse è facile parlare bene di una manifestazione che comunque vede coinvolto a pieno titolo anche noi del Marathon Bike. I 150 iscritti con 141 partiti, hanno potuto notare come una corsa può diventare una vera festa del paese ovvero una cena di “contrada” con le dovute proporzioni, tutto rigorosamente gratis. Abbiamo da anni levato il premio alla società più nomerosa il perchè è sotto gli occhi di tutti., chi non l'ha ancora capito ci può contattare. Sotto la foto dei vincitori, la classifica,ee gli scatti fatti da Malarby Roberto, FOTO fotocorseinmaremma.com Antonellaclicca5-DSC_4166 e Iacopo.clicca2-DSC_4093

CLASSIFICAgenerale cas

10 agosto Aspettando la Castel del Piano al Tramonto di sabato pomeriggio con partenza alle ore 19, si rammente che la mattina successiva alle ore 10.00 Stefano La Rosa sarà impegnato nella maratona di Berlino valida per il campionato europeo. Senza fare previsioni che non si azzeccano mai, speriamo tanto che al nostro campioncino vada tutto per il verso giusto. Forza Ste! Ritornando a Castel Del Piano, si rammenta che per iscriversi bisogna andare sul sito di Giovanni Formisanohttp://www.gformisa. Le iscrizioni un po' sotto le aspettative, sono dipese senza ombra di dubbio sulla "confusione" che regna sul sito del Corri Nella maremma. Spero al più presto che il problema venga risolto. Sotto l'albo d'oro della super corsa degli amici cioli.

cliccaALBO D'ORO

6 agosto Due nostri nell’albo d’oro della terza  edizione dell’americana che andrà in scena mercoledì sera alla Marsiliana. Sono Boateng e la Polacchina che  si sono imposti nelle due precedenti esibizioni.clicca37362852 Quindi tutti alla  Marsiliana come recita il loro volantino con vista della festa della Castel del Piano al Tramonto. Intanto arriva un’altra vittoria di categoria con il ciclista-podista e triatleta  Mililotti Riccardo  che si è imposto a PiancastagnaiocliccaIMG-201, e un podio assoluto per la  nostra Susy Baldini,cliccaIMG-20180 insomma tutto fa statistica.clicca. A Travale ha toccato le 200 presenze con la nostra maglia Graziano Pepi, che entra di diritto tra i più presenti di tutti i tempi.16-DSC_3050  Sotto due belle foto di Roberto Malarby sofrapposte, questo il risultato..cliccacheli piano

5 agosto Un primo posto, un secondo e un terzo di categoria, questo il magro bottino che portiamo a casa dalla corsa di Travale. Si muove quindi solo la casella delle vittorie di categoria con la brava Cristina Gamberi (nella foto) mentre bene boateng  Cheli (secondo) e Lupo Poggiani Luca Terzo. Sotto la classifica e le foto con un link sul sito di Roberto Malarby.

CLASSIFICAgenerale T

cliccafotocorseinmaremma.com

CLASSIFICA PIANCASTAGNAIO_18km E _9km

28 Luglio Prima o poi doveva succedere ed è successo ieri sera  alla notturna di Porto santo Stefano. Se è vero che abbiamo vinto con la polacchina, che ha portato a 90 le vittorie del Marathon Bike nel Corri nella Maremma, è anche vero che  siamo stati “purgati” per la prima volta in assoluto in una prova del nostro circuito, in fatto di presenze. Tanto di cappello allora agli amici del Costa d’argento che giocando sul fatto di giocare in casa hanno raggiunto questo risultato che sembrava non arrivasse mai. Cambiando mira, da sottolineare purtroppo l’uscita dai quadri della società di Paolo Merlini che  per una serie di ragioni super giustificate, ha lasciato la nostra compagine per approdare alla squadra senese del Monte dei Paschi. Una tiratina di orecchie però alla Uisp di Siena se l’è guadagnata, visto che ha permesso  in corso d’opera il suo tesseramento contravvenendo ad una delle regole principali della nostra lega  in materia di doppio tesseramento. L’uscita di Paolo poteva essere gestita meglio, visto che lui non è uno dei tanti, ma un atleta di spicco. Che fretta c’era mi domando.. Tornando alla gara chie ha vinto ieri sera?cliccakate e boscarini

cliccaclassifica correndo sotto le stelle

 

25 luglio 2018 Per una ricerca scientifica sui runners italiani, è presente sulla home page del sito del nostro amico Matteo Moscati ( Marathon Word) un sondaggio che se uno ha due minuti merita fare. Sono 15 domande a cui bisogna rispondere con un semplice clik. datevi da fare questo è il sitoMARATHONWORLD.IT. Scatenatevi, vediamo quello che viene fuori!

22 luglio 2018 In tanti anni di onorata carriera una cosa del genere non mi era mai capitata. Inizio così a raccontare  la mia ennesima “Salitredici” da spettatore- ciclista-fotografo (credo l’ultima) espulso senza indugio di sorta, dal tragitto di gara per ragioni di sicurezza stradale.  Strada chiusa per la montagna per tutti gli automezzi dalle ore 09.00 al termine della gara, comprese le biciclette. Disposizione al quanto discutibile ma ovviamente da rispettare, anche se gli organizzatori potevano specificare bene che la montagna non era accessibile nemmeno in bici. Ma il bello è che scendendo dalla bici, ho provato a farla a piedi e con incredibilità, in un modo o in un altro sono stato “invitato” a non fare ciò. Insomma domenica mattina rovinata con delle disposizioni rigidissime e in alcuni momenti anche “fantozziane”. Alcuni ciclisti hanno provato ad aggirare il posto di controllo, con la tecnica  tipo quelli che alla frontiera cercano di eludere i controlli passando per i boschi, ma invano. Insomma   al sottoscritto gli è rimasto la cosa che gli riesce meglio, ovvero un po’ di odiosa polemica con i Vigili, rimontare in macchina, che avevo fortunatamente lasciato ad Abbadia, e tornarmene a casa senza aver compicciato un tubo, con un’incazzatura dentro da record.. La corsa come è andata? anche qui un record..squadra più numerosa; campioni toscani con le donne; campioni toscani con gli uomini; campioni toscani con la combinata, il podio più alto con Rocco Taliani Massimiliano e Angelica Monestiroli,  diverse medaglie, con un solo espulso… e con grifone "settimino che ha portato decisamente bene ma non per tutti cliccaDSCN21852

FOTO https://photo

20 luglio 2018 Sara un Grifone nato di sette mesi, il nuovo logo Marathon Bike che accompagnerà i quasi 30 atleti TMB che domenica mattina si cimenteranno   alla “nostra” salitredici. Nostra perché ormai è diventata un appuntamento da non perdere, da quando facemmo il famoso cappotto con 54 nostri atleti al via. Un nuovo logo dunque che verrà presto impresso nei mezzi societari e in alcuni capi di abbigliamento. C’è stata una risposta talmente univoca e sincera ( disprezzato e deriso da tanti-troppi) dei nostri associati, che sarà un successo enorme per il nostro volatile ingrifato, ne sono certo. Se ne è già parlato troppo e questo è segno che ha fatto centro. Non è appropriato per il nostro gruppo? Vedremo.cliccasquadra abbadia 2017 Sotto alcuni nostri pre-iscritti

clicca iscritti abb

16 luglio 2018 Che ci azzecca questa foto con il Marathon Bike? Niente, anzi tanto visto che il vincitore è Elia figlio di Laila e Irio Caprini. Lo scatto ha vinto il concorso fotografico “Scatta lo Sport”. Lo scatto è stato fatto da Elia all’Ironman  di Balcellona 2017. Decisamente suggestivo!  Intanto dopo Canapone,  ecco che si muove la casella dei podi assoluti con quello di Boateng Luigi Cheli  alla notturna di Casciano di Murlo. E' arrivato terzo! Era con il grande “sconfitto” di Canapone, ovvero Marianelli Belgrado Danilo, che ha perso la staffetta per soli 5 secondi. Comunque ricordiamo che chi arriva secondo è il primo degli sconfitti. Così dicono...cliccaIMG-20180713-WA0002

14 luglio 2018 Nonostante il tempo realizzato sia il più lento della storia di Staffetta di Canapone da quando è in vigore dal 2013 l’attuale percorso, la squadra composta da Gamba-Perin-Lucchetti e Moretti si è aggiudicata per pochi secondi l’edizione di quest’anno. Il quartetto vincente  ha sbancato con la “coppia” dello Svicat Perin-Lucchetti,  il bergamasco Gamba Gabriele che ha perso la sfida con il padre Gianluca di qualche secondo, ma poca importa, e appunto con Moretti. E pensare che nell’edizione 2010 la “riserva” Gialluca Gamba arrivò nelle ultime posizioni, con allora Gabriele poco più che bambino in piazza a vedere il padre correre. Chi l’avrebbe mai detto che dopo 8 anni avrebbe vinto per pochissimi secondi… A gioire più di tutti sembra essere stato il nostro Massimo Moretti che incredulo dopo aver cambiato in 21^ posizione alla bellezza di 3 minuti e 53 dalla squadra di Bonari Andrea, Cavallaro Giovambattista, Petrucci e Gigi Bianucci. Un distacco  abissale in tutte le manifestazioni podistiche, ma non  a Canapone, basti  pensare che addirittura la seconda squadra, quella di Susy Baldini- Gasparini e Belgrado Marianelli era 22^ e quella di Monestiroli arrivata terza, addirittura 27^.. E pensare che c'è chi per non correre canapone le inventa di tutte ( non reggono l'adrenalina) C'è chi si fa mettere a lavoro, c'è chi si dà malato, c'è chi pensa di danneggiare il compagno, chi pensa di farsi male, chi ha paura di perdersi nella notte, chi si fa mettere in stato interessante, chi anticipa le vacanze, chi pensa di compromettere la preparazione, chi pensa di sciupare il lastricato del centro storico, chi pensa che il testimone gli venga dato nel capo, chi va all'estero e pensa di non ritornare per non rischiare di essere costretto a correrla. Insomma non tutti la digeriscono anzi,e pensare che è nata proprio per quelli che solitamente le emozioni forti le vedono con il binocolo.Chiedete a Massimo Birra Moretti, cosa ha vissuto l'altra sera!!cliccamoretti ma ma finchè i numeri ci daranno ragione e anche dopo, continueremo a farla, questo è certo.

cliccaTIRRENO CANAPONE

CLASSIFICACLASSIFICA aggiornata

FOTO MALARBYfotocorseinmaremma.com

ALBO D'OROQUARTETTI VINCENTI V

13 luglio 2018 Una vittoria un po’ per tutti quella che si è vista alla Staffetta di Canapone, specie per noi del Marathon Bike e  Costa D’argento, visto le percentuali cromosomiche che dividono la bimba. Un nome importante,  come appunto Vittoria, un cognome che la dice lunga, ovvero Boscarini, e il latte e quant’altro che si scorge dai capelli in giù della Stankiewicz, meglio conosciuta come “Polacchina”. Come tutti i partecipanti , Vittoria ha dovuto fare i conti con l’adrenalina che a Canapone fa brutti scherzi. Eccola al traguardo della sua seconda esibizione assolutaclicca138-Staffett. La prima sempre immortalata da Roberto Malarby, fu anno scorso.cliccavittoria s Era senza dubbio uno deglii obiettivi prefissati, far crescere i nostri bimbi a Canapone, ci stiamo riuscendo con tanti, uno lo documentiamo ovvero il “maestrino” beccato da Malarby in tutte l'edizioni. Questa la primaclicca2013 Ecco come si è presentato alla partenza quest'annocliccamaestr Sotto articolo apparso oggi sul tirreno che con qualche piccolissima inesattezza parla della manifestazione.

cliccaTIRRENO CANAPONE

CLASSIFICACLASSIFICA aggiornata

FOTO MALARBYfotocorseinmaremma.com

ALBO D'OROQUARTETTI VINCENTI V

12 luglio 2018 Continua la tradizione che  a vincere Canapone siano sempre persone diverse, e  con questo giro siamo arrivati a 40. La “sfida” lanciata ai mondiali di calcio, non ha visto né vinti né vincitori. Infatti,se da una parte c’è stato un evidente calo di persone ( 176 iscritti con 160 partenti che hanno formato 40 squadre) dall’altra è stata una delle più avvincenti e sentite edizioni e se vogliamo con tanto pubblico in piazza. Ha vinto la squadra nr 10 con Gamba Gabriele, Moretti Massimo, Perin Marco e  “Sbirulino” Lucchetti Marco, che hanno concluso la prova dopo 1h02’01”, con  Marianelli “Belgrado” Danilo della squadra 24 che ha cercato in tutte le maniere di acciuffare per i capelli il vincitore tantè  che era davvero vicino con la quadra formata dal “Gabbiano Gasparini Giovanni ( già vincitore in passato) Piazzi Simone e la  biondissima Susy Baldini. Peccato per quei 5 secondi: 1h02’06”. Al terzo posto ancora a una manciata di secondi, 1h02’16”  la squadra composta da Monestiroli Angelica, Carlino Gaetano, Sessa Ivan e Carbonari Franco. Cala il sipario su Canapone 2018. Ora l’inizio delle  chiacchere e considerazioni che fanno parte integrante della storia di Canapone. Punto. Onore  quindi ai vincitori che si sono imposti con merito.  Passando alla “Cronometro per Canapone” riservata ai bimbi da 0 a 10 ann, Lì non c’erano i mondiali e si è visto!

 

 

10 luglio 2018 Ormai ci siamo domani alle 23 sapremo chi ha vinto Canapone 2017. Ora viene il momento più importante per noi organizzatori mettere in moto una macchina organizzativa davvero imponente. Forse contando tutte le persone coinvolte nell’organizzazione si sfiorano le 50. Sbagliare meno possibile e questo in definitiva quello che ci diciamo prima di partire. Perché qualcosa che va storto c’è e ci sarà sempre.  Si pubblica la scheda di Silvia Cogno che dovrebbe essere l’unica donna che ha fatto tutte le edizioni.clicca STAMPATOco Poi due righe scritte da uno dei vincitori di Canapone, ovvero Taliani Rocco Massimiliano.cliccacosa disse taliani Infine si pubblica volentieri la foto di Dario Ferrarese che sarà senz’altro uno dei protagonisti della cronometro per Canapone, corsetta che da 6 anni si  svolge prima della Staffetta.cliccaAAAAA Uno sguardo che incute timore, un atteggiamento da uomo vissuto per il figlio del nostro lungagnone Andrea che forse sarà tra i partecipanti alla staffetta.. Ma molto forse.

9 luglio 2018 Se da una parte il regolamento della nostra  Staffetta non può essere messo in discussione,in discussione ci saranno altri argomenti, ma non la malafede, almeno si spera. Ci saranno le solite polemiche più o meno costruttive che fanno parte della storia della Staffetta. Certo sarebbe tutto più semplice, ma anche monotono “azzeccare” tutti i tempi dei partecipanti. Impossibile direi. Una volta abbiamo fatto il conto dei tempi indovinati con il risultato di quasi 120, gli altri sbagliati, tra i 5 secondi al chilometro ad un massimo di 15-20 fecero ovviamente la differenza. Sarà così anche quest’anno. Mi voglio addentrare in un ragionamento che sembrerebbe un po’ complicato ma non lo è per far capire il perché se tutte le squadre partano sullo stesso piano, sistematicamente tra la squadra che vince e la squadra che arriva ultima ci sono anche 5 minuti di distacco. Ecco il ragionamento: I quattro vincitori riescono ad andare “fuori in positivo” dal tempo assegnato di 10-15 (ognuno!) al km che per 3 chilometri e 650 fa circa 2 minuti e mezzo. La squadra che invece ha la sfortuna di essere in serata noi, va “fuori in negativo” di 10-15 secondi ed ecco fatto i 5 minuti come si materializzanoi. Se non avete  capito quanto sopra vi resta che chiamare il tel.3462201536 o andare a ripetizioni di matematica o meglio ancora chiamare il nostro “Maestro”  clicca  frasemaestro Nella foto in copertina Luca Poggiani "lupo" . Lui come Laila vince sempre... basta apprezzare le cose buone delle manifestazioni in generale, e giustificare eventuali defezioni di chi organizza!

8 luglio 2018 Si pubblica volentieri la lista dei partecipanti a Canapone. Ovviamente mancando tre giorni non è definitiva, ma siamo un pezzo avanti. Lontani dal record ma sempre un grande successo di partecipanti per come siamo messi da queste parti.cliccaiscrizioni staffetta E allora vediamo come andrà a finire la decima Staffetta di Canapone. Poche cose certe, una di queste è che la squadra vincitrice girerà intorno all'ora quindi con assoluta certezza nel quartetto ci potrà essere al massimo un solo big. Che ci azzecca il bambino nella foto con la Staffetta di Canapone? Poco per ora... Il bimbo di nome Maicol e di cognome Musardo, è stato solo protagonista della nostra Cronometro, ma già scalpita, sia in casacliccaIMG-201807 che fuoricliccamusardoscogliamiglio

7 luglio 2018 Chiuse le iscrizioni per la nostra Staffetta di Canapone. Da domani sarà possibile iscriversi con la formula della ”riserva”. Ogni 4 nuove iscrizioni si è della staffetta titolare..Nella foto in copertina Cristian Fois un pezzo di storia del podismo maremmano ma anche della nostra gara. Per lui nove edizioni disputate e l’iscrizione tra gli oltre 160 partecipanti di quest’anno cher fanno 10. cliccaSTAMPATO Anno scorso sul podio con la super Galella il "Nero" Luca Nerozzi e Della MonacacliccaDSC_056 La presentazione della Staffetta sulle pagine del "Giunco"presentazione canapone 1

5 luglio 2018 Meno cinque nella foto, ma +10 va a Roberto Bordino, che non solo ha corso tutte le edizioni della Staffetta di Canapone, ma corse anche  nel 2016 la prima frazione che poi giustamente venne annullata per motivi di sicurezza. Quindi un Bordino super almeno   per il rapporto  che lo lega a noi del Marathon Bike. A differenza dell’ ”Abusivo” Tanganelli Andrea, le quali gesta sono state raccontate ieri, Roberto la Staffetta l’ha vinta nel 2016 e vicino ci andò  anche nella prima edizione, arrivando secondo dopo una rincorsa davvero entusiasmante.cliccaSTAMPATO . Se è vero che tutti non si accontentano, è anche vero noi siamo contentissimi di questi 10 anni trascorsi con Canapone. Le prerogative che furono adottate all’inizio, sono rimaste tali e quali: un vero momento di aggregazione tra gli atleti che in molti casi non si conoscono, o si conoscono appena. Trentasei (36) vincitori diversi, testimoniano la grossa imprevedibilità della corsa. Un pacco gara super ( costo documentato di oltre 10 euro )  Settantadue (72) premiati, ristoro decisamente all’altezza, 120 birilli sul percorso, 80 transenne, oltre 30 persone nell’organizzazione, insomma per migliorare Canapone bisognerebbe portarlo per alcuni versi ad una dimensione meno competitiva, alcuni dovrebbero viverlo in maniera diversa. Ma "che barba che noia" e vadere sempre gli stessi noti sul podio, a Canapone può stare tranquillo che questo non accadrà mai! La storia del 2009cliccaLA STORIA DELLA STAFFETT Sotto il primo vincitore Cristillo

cliccaP1040335

4 luglio 2018 Alche “L’abusivo” all’anagrafe Andrea Tanganelli, corse l’edizione 2010 con la maglia in ricordo di Michela Rossi scomparsa nel terremoto dell’’Aquila dell’anno prima. Per l’abusivo, che poi l’avrebbe fatte tutte senza vincerle unacliccaSTAMP  quest’anno sarà l’anno buono? La seconda edizione la vinse la squadra composta da Picciocchi-Fantacci-Cecconami e Bonavita.cliccaVINCIT Si corse nel percorso che poi negli anni è stato cambiato, come cambiato è stato il regolamento: prima c’erano quattro fasce con 4 sottofasce, ideato dal compianto Maurizio Baroni, oggi c’è proprio un sistema che non lascia scampo. Oggi per noi si parte tutti alla pari, mentre prima il più forte di tutti poteva prendere il più forte  dellultima sottofascia e quindi alla partenza la squadra dei due “più bravi” risultava senza ombra di dubbio avvantaggiata.clicca 2010

3 luglio 2018 L’anno 2011 fu l’anno del “Gabbiano” ovvero dello “sciancato” Gasparini Giovanni, che appena uscito da un infortunio fece suo Canapone proprio  all’ultimo chilometro. Il quartetto vincente era composto da Paolo Bottacci,Sassetti, Sarnelli e  Gasparini. Nella foto Riccardo Ciregia che corse con una maglia realizzata per ricordare Michela Rossi, morta la notte del 6 aprile  nel terremoto dell’Aquila. Una crudele fatalità che si abbattè sui Michela Rossi ,  dopo poche ore che aveva concluso la maratona di Milano. Nel 2006 era entrata a far parte della Sbr3: Michela era appena stata ammessa alla maratona di Londra del 26 aprile. La ricordiamo cosìcliccaMichela-Rossi1

2 luglio 2018 Laia perchè l’hai fatto? Perchè sei andata così forte? L’edizione 2012 la più chiacchierata perché la grandissima prova di Laila Gorrieri, fece sì che la sua squadra vincesse Canapone. La più chiacchierata? E allora quella che si ricorda più volentieri..Sotto quello che successe, in copertina Silvia Cogno, che vanta un bottino invidiabile ovvero l’ha corse tutte e nove!clicca 2012 - Copia - Copia

1 luglio 2018 L’edizione 2013 con la vittoria di Petrella-Pallini-Cardino e Rocco  Taliani, evidenziò una piccola “falla” nel regolamento di  Canapone, e dal 2014 la nostra corsa modifico l’inconveniente. Nella foto in copertina l’arrivo di Paolo Colì. Questo in quattro righe LA STORIA 2013 -

30 giugno 2018 Casini-Acampa- Maggiotto- Tesei, questo il quartetto che trionfò nell’edizione 2014. Nella foto in copertina gli amici Fanteria e Lubrano alla partenza. Accanto quello  che si ricorda di quell’edizione.

clicca2014d

28 giugno 2018   Nell’edizione 2015 bello  fu lo  scatto fatto da Mirco Nucci che riprese gli amici senesi Magi-Cavallaro in un momento particolare. Quel testimone  dato in comodato d’uso ai super Ultramaratoneti, non fu mai più trovato...clicca_MG_3476 in quella edizione la vittoria andò  a  Coli-Maggiotto-Elisa-Grechi-Rossato, con quest’ultimo che riuscì ad aggiudicarsi la prova proprio nell’ultimo pezzo di tappeto rosso. Grande vittoria ma anche grande sconfitta perdere in questa maniera  per il quartetto composto da Petrini-Bonari Paola-Martire Luigi e Grossi Danilo. Il senese “impallinato” negli ultimo metri da Rossato, non rimase che sfogare la delusione facendo avanti – indietro sulla spiaggia di Marina. Così recita la cronaca di quella bellissima edizione.

cliccavol originale 19 MAGGIO

cliccaCome si compongono le squadre

cliccaLA STORIA DELLA STAFFETTA

cliccaREGOLAMENTO CANAPONE 2018 (uff)

28 giugno 2018 Bello, bello, bello, ma dalla foto scattata da Malarby nelle fasi della Staffetta di canapone 2017, non sembrerebbe proprio. Lo scatto riprese il nostro super “Gabbiano”  nelle fasi finali con la faccia “esorcizzata”, testimonianza che  a volte si farebbe tutto pur di arrivare una posizione avanti.cliccaDSC_051re Giovanni Gasparini, vinse canapone nel 2011, poi il buio…cliccaQUARTETTI VINCENTI

27 giugno 2018 Una foto piena di significati quella scattata da Malarby nell’edizione del famoso rinvio per una “bomba” d’acqua che si abbatté sul teatro di battaglia della staffetta di Canapone.  Era l’edizione 2016.Tre  nostri atleti immortalati  (contando le scarpe,  erano di sicuro in quattro!) ovvero il “Milo” il “ Maestro” e Boateng, che tranquilli sotto l’acqua si stavano godendo le forti emozioni aspettando chi sa chi.cliccastaffetta Pensate però se i quattro fossero stati  dipendenti statali costretti a rimanere lì, cosa sarebbe successo?  Rete quattro, canale 5 e Italia uno, poveretti.. Bando alle ciance è iniziato il conto alla rovescia della Staffetta più famosa di Grosseto. Ovviamente come tutti gli anni vinca  la squadra migliore, ovvero quattro atleti che sino alle 23 di quella sera, risultavano perfetti sconosciuti o quasi nei gradini del podio!

 

25 giugno 2018 Essendo finito da tempo il periodo delle critiche  costruttive, si posta volentieri la classifica della gara di Piombino di ieri mattina. Punto. Sarà in altre sedi, e non da parte di chi scrive, valutare quello che è successo e quello che ci sarà da miglorare in futuro. Punto. Nella foto in copertina Micaela Brusa autrice di una bella prova che gli ha permesso di arrivare seconda assoluta.cliccaCopia di Copia di generale piombino-1

cliccafotocorseinmaremma.com

Da Venerdì prossimo alle ore 21.00, il Velodromo Montanelli di Grosseto non sarà più lo stesso. Dalle parole ai fatti si potrebbe dire. Infatti una delle cose più belle (velodromo) della nostra città sarà illuminata a giorno con tre “Pirelloni” che illumineranno 365 giorni all’anno tutta l’area. Quindi in poche parole ci sarà la possibilità di vivere il velodromo anche di notte. Allenamenti a tutte le ore, senza la possibilità di trovarsi uno sopra l’altro o essere schiacciati da una macchina. Finalmente una cosa che mancava a Grosseto, e quindi un grazie all'amministrazione comunale e tutti quelli che hanno contribuito a questa realizzazione.  Detto questo mi sembra il minimo essere presenti all’inaugurazione, che ripeto sarà venerdì 29 giugno. Nell'occasione noi del Marathon Bike, Avis e Uisp organizzeremo una passeggiata Ludico motoria di 6 Km aperta a tutti, con tanto di pettorale. Ovviamente ci saranno i camminatori ma anche chi la farà di corsa. Costo iscrizione gratuito. Per i nostri atleti la corsetta andrà nella scheda personale cliccaIMG_20180620_16

VOLANTINOPASSEGGIATA

20 giugno 2018. Aspettando la Staffetta di Canapone, si deve pur scrivere qualcosa. A testimonianza che il nostro sito non è un sito “normale e sempre in barba alla privacy, si posta una foto (canale ignoto!) scattata nella piazza principale di Porto Ercole gremita di folla dopo la scarpinata. Che cosa c’è di strano nella foto che ritrae il nostro “Falco” fare la doccia? Farsela non è poi una novità, e allora l’attenzione è caduta sulle mutande. Saggio il nostro Mirco che  in  questo caso non ha corso il rischi di essere scambiato per una donna.cliccaIMG-20180618 Sai dopo una gara così intensa, con la vista annebbiata può succedere di tutto, anche di essere ripetutamente importunato, avrà pensato sbagliando. E allora la scritta “Uomo” era il capo giusto per l’occasione secondo lui. Comunque non fu scambiato per una donna quando invece ci provò con un giacchetto che più donna non si puòcliccaIMG-20180 . I tratti somatici del viso non lasciano dubbi, non lasciano adito a incertezze, si tranquillizzi, non verrà mai scambiato per una signora! Si posta la foto di una delle sue più belle espressioni e pensieri sul suo amico-rivale Gennaro Guarente.cliccagua r

19 giugno 2018 Con la pubblicazione delle splendide foto di Malarby, cala il sipario sulla corsa dei Forti Spagnoli.cliccafotoSi rammenta per chi ancora a conoscenza che sia Roberto Malarby, che Giovanni Formisano, hanno dei siti che sostanzialmente sono usati dal nostro Corri Nella Maremma. http://www.gformisa.joomlafree.it/. Uno per le foto e uno per le classifiche. In copertina Giovanni Gasparini all'arrivo di Porto Ercole.

Cliccagenerale po

18 giugno 2018 Altra settimana da ricordare, con una “doppietta” un record, un paio di vittorie di categorie, uno  all’ospedale, quattro ai master di Grosseto. Insomma un fine settimana iniziato con la mezza in notturna di Roma che ha visto alla partenza il trio Bianchi Massimo, Vanni Roberto e Moretti Daniele e la coppia Giansanti- Chis. Una foto testimonia che la privacy da noi non esiste, o quantomeno da noi non viene rispettata… cliccaIMG-201Mentre nel ciclismo Minelli arrivava tutto solo al traguardo di Montepescali (507^ vittoria!) Musardo, Taliani,Cheli e Dragoni davano  spettacolo ai master di Grosseto. Passando al pomeriggio  della scarpinata,vittorie di categoria di Mazzi Alessio e Gamberi Cristina ai Forti Spagnoli di Porto ercole, dove la Polacchina non solo ha vinto ma ha battuto il Record di sempre e quindi portando le vittoria a 508. Benissimo il mitico Guarente arrivato primo al Pronto Soccorso di Orbetello: quando è caldo bisogna bere, perché se ti presenti al via mezzo e mezzo, con una serie di circostanze sfavorevoli si può andare dritti dritti al pronto soccorso, come purtroppo ha fatto lui. Sarebbe forse  stato più opportuno buttargli una secchiata di acqua in testa che portarlo via, ma questo e facile dirlo ora. A proposito delle nuove severe disposizioni in materia di privacy, si può postare una foto del Monsignore che  si fa la doccia nella gremita piazza di Porto Ercole, col “Falco” che gli ha lavato la schiena? Si! cliccaIMG-2018061 Si posta volentieri una foto di gruppo a porto Ercole con la "Galellina" che guadagna centimetri su tutti, e il "Gabbiano" con la prima maglia di colore azzurro. cliccaIMG-20180617-WA0030 Sotto la classifica, dove è chiara la vittoria netta del Costa D'Argento, con il trio delle meraviglie con un Fois che ha battuto il nostro grande Alessio Mazzi. Cliccagenerale po

 

15 giugno 2018 Una cena insolita, una cena nata per ringraziare tutti quelli che hanno contribuito in questi anni al raggiungimento delle 500 vittorie. Pochissimi atleti perlopiù nelle vesti di sponsor, ma diverse persone alle quali il Marathon Bike deve davvero dire 500 volte grazie.clicca 500 vittorie come la ditta  Fam della famiglia Checcacci e  quella  Bmw dei F.lli Gori, che da 18 anni seguono il sottoscritto, dai tempi del Caffe Hawai. Come è andata la cena? Una serata veramente “particolare” a dir poco, che ha meravigliato non solo il sottoscritto. Unica, come spesso ci è capitato di fare in questi anni, nelle cose che mettiamo in piedi a partire ovviamente al nostro sito, alla Staffetta di Canapone alla Grosseto Castiglione, al Trittico Tommasini, alla Maremmata del primo dell’anno e per finire la Tapasciata Romana. A proposito di quest’ultima, corre voce che  quest’anno si farà  in una notte di luna piena a Siena, con arrivo in Piazza del campo. Ci faranno entrare?  O ci fermeranno costestandogi la vecchia rivalità tra Grosseto e Siena?  Per quelli che verranno ad agosto, tranquilli siamo raccomandati pure lì.

cliccaDSCN3376

cliccaDSCN3374

cliccaDSCN3372

12 giugno 2018 “Forti Spagnoli” gara in programma domenica pomeriggio a Porto Ercole. La gara nasce nel 1977 , e già dai primi anni 80' viene corsa sul percorso standard che attraversa i 4 forti spagnoli: Santa Caterina, Forte Filippo, Forte Stella, La Rocca . Partenza e arrivo nella storica Piazza Roma. Sono otto le nostre vittorie compresa quella di Mongili che nel 2005  la corse con il Team Caffè Hawai. Vittorio, protagonista anche nel 1999 dove fu primo mentre nel 2003 arrivo 2° dietro a Christian Fois. Poi arrivò il più titolato del gruppo, ovvero Musardo che si impose nel 2011, dopo tre anni di arrabbiature a partire dall’edizione del 2008 quando i testa la gara sbagliò strada.  Il 2011 fu l’anno del “cappotto” visto che vincemmo anche nel femminile con  Michelina Brusa. . Solo il Road Runners di Piombino era riuscito a doppiare nel 1989 la Scarpinata con Claudio Mazzola e Gabriella Cardini.La sfida del 2012 con l’allora emergente “Squaletto” Boscarini, andò al Portosantostefanese, dopo che Musardo sfidò la scienza in materia, donando sangue il giovedì prima della gara. Ovviamente prese una bella “legnata” arrivando addirittura terzo. Poi nel 2012, dopo qualche perplessità iniziale, il Marathon Bike  proprio dopo  Porto Ercole, prese la quasi sconosciuta ragazza dell' Amiata che poi sarebbe diventata la super “Polacchina”. In quell’occasioneone indossava una canottiera della palestra di Arcidosso Body Life. Oltre all’edizione del 2012, Kate si impose anche in quelle del 2013-2014-2015 come non era mai riuscito a nessuna. La più bella nel 2014 quando tre mesi di fascite plantare tornò subito vincente anche se stremata al traguardo. Dopo la maternità rivinse nel 2017. Sperando che tutta vada per il verso giusto, la “polacchina” potrebbe domenica pomeriggio arrivare a quota 6 vittorie eguagliando vittorie di NICOLETTA FERRETTI.  Da ricordare anche gli importanti podi del “Keniano” Infante terzo nel 2013, “Pippigambelunghe” ovvero Marinela Chis e Antonio Guerrini. .ATTENZIONE
IL LOGO DELLA SCARPINATA SERVE PER PARCEHGGIARE AD 1 EURO NEL PARCHEGGIONE. cliccascarpinata DOCCE E SPOGLIATOI PRESSO I CAMPETTI DA CALCIO DOVE SARA' POSSIBILE CENARE A PREZZO CONVENZIONATO 10 EURO (TAGLIAETELLE, PANE E PORCHETTA, VINO, ACQUA) TUTTO SULLA SCARPINATA ttp://www.atleticacostadarge

 

27 Maggio 2018 Ce l’hanno fatta, anche se con qualche difficoltà i nostri hanno portato a casa questo importante risultato. Da questo momento la “loro” 100 chilometri del Passatore sarà e rimarrà per sempre un bellissimo ricordo. Per Milone, problemi al ginocchio al 79° chilometro che lo ha costretto a ridimenzionare la sua prova finendo in 12 ore e 15 minuti, non lontano dal suo tempo di anno scorso dove arrivò a Faenza dopo 12 ore, 10 minuti e 52 secondi. Grande prova per Andrea Panconi che entra nel club dei centisti con on eccellente 11.ore e 38 minuti. Per ora le notizie sono queste ovvero che ci sono riusciti. Poi ci diranno cosa è successo nei 100 chilometri più belli e famosi delle  Ultra in circolazione. Il Panco e il Milo alla partenza cliccaIMG-20180526-WA0001

26 Maggio 2018 ore 14.08 Massaggi nel cuore della notte, gli incitamenti di coloro che abitano  sulla faentina, i cori, i canti, le offerte di vino e salsicce  nei tanti punti di ristoro che troveranno i nostri Alessandro Milone e Andrea Panconi. Poi arrivati a Brisighella la luce in lontananza di Faenza e la consapevolezza di avercela fatta. Tutto questo è quello che ho vissuto io, la  mitica Sacchini, la Galella, il “Marziano Taliani” e Guido Petrucci. Tra poche ore è quello che certamente vivranno i nostri amici. Intanto la foto fatta prima della partenza da piazza Santa Croce..cliccaIMG-20180526-WA0001 Se per il “Milo” sarà la seconda edizione dopo l’edizione del 2017,  terminata con il tempo di 12 ore, 10 minuti e 52 secondi, per il “Panco” sarà la prima volta anche se ultra maratoneta lo è già da tempo. Il Panconi nel club del Passatore? ma che meraviglia, ma io lo avevo previsto giaà da tempo!! Il Prossimo? il "monsignor" Giannini Paolo!

25 Maggio 2018 Descrivere cosa si provi a correre la 100 chilometri del Passatore, è cosa  praticamente impossibile. Per chi non conosce il podismo, pensa che correre per 100 chilometri sia una cosa disumana, per chi invece ha corso la maratona il  difficile è levargli dalla testa la fatica fatta per percorrere i 42 chilometri.  Loro moltiplicano la difficolta di una maratona per 2 volte e mezza. Ovviamente non è così. La 100 del Passatore è una  lucida follia che ti rimane addosso per tutta la vita, ma non bisogna essere dei super uomini o donne per arrivare a Faenza. Ho avuto la fortuna di correrla nel 2003 e nel 2013, e di super non ha proprio un bel niente purtroppo, quindi...  Sabato al via ci saranno il “Milo” e il “Panco” di Arcidosso che rappresenteranno il Marathon Bike. Sono due donatori di sangue, e questo per loro è un valore aggiunto. Ultramaratoneti- donatori di sangue niente male. So un po’ rammaricato   lo ammetto non esserci, ma chissà se un giorno sarò di nuovo lì, magari in bici a seguire mio nipote… Un’impresa da cuori forti e gambe solide. Ma soprattutto una questione di testa. Perché correre 100 km significa andare ben oltre le proprie capacità fisiche e scavare dentro se stessi per trovare le motivazioni, la forza di volontà e le energie mentali per arrivare al traguardo. La partenza verrà datain piazza Duomo a Firenze, l’arrivo in piazza del Popolo a Faenza,  dopo aver attraversato l’Appennino tosco-emiliano. Notevoli i dislivelli e il punto più alto da superare, i 913 metri del Passo della Colla di Casaglia. Nonostante le difficoltà del percorso, domani  26 maggio alle 15, dal centro di Firenze, partiranno oltre 2mila iscritti, questo la dice lunga di quanto sia stuoenda e affascinante la mia impresa più bella....

 

21 Maggio 201 L'11 giugno si parte con le iscrizioni di

19 Maggio 2018 Cinque è il numero che a scuola testimonia la insufficienza. Cinque come le giornate di Milano, famosa per via dell’insurrezione nel 1848, come  “Cinque giorni che ti ho persa”, una conosciutissima canzone di Zarrillo del 1997. Per noi del Marathon Bike, oggi rappresentano le cinque  prove di una delle nostre più rappresentative ragazze del gruppo: Carolina l’Argentina di cognome Polvani.clicca593-637-Infatti è notizia di poche ore fa il suo piazzamento come seconda al giro  dell’Elba scaturito dopo le prove di Portoferraio, Lacona, Capoliveri, Rio Marina e Porto Azzurro. Appunto cinque.  Se è vero che in sei giorni ha dovuto fare il bucato avendo “solo” 3 nostre maglie,cliccamaglie è anche vero che alla premiazione si è presentata con la maglia della nostra GROSSETO-CASTIGLIONE.cliccacaro.Pubblicità assicurata. Lei è una che darebbe l’anima per la nostra associazione, infatti ha donato sangue per la nostra causa, che è  decisamente meglio. Passando a Firenze si pubblica una bellissima foto di tre nostri atleti impegnati nella Deejay Ten di qualche giorno fa. Chi sono? Matteo, Isabella, e Cristina.cliccaIMG-20180513 Vedi Napoli e poi torna a casa per il nostro Federico impegnato in una gara di 15kmclicca. IMG-201.Vediamo se domani succede qualcosa degna di nota!

13 Maggio 2018 Nella casella dei podi assoluti  ci sarà anche la bella prova di Paolo Merlini al Memorial Giulio Di Paola. Due considerazioni sulla gara in ricordo di un nostro amico: la prima è che se Boscarini la mattina della gara andava a pescare oggi avremmo festeggiato davvero una giornata super, con le vittorie di sua moglie del Bassi, per non dire quella di Stefano la Rosa. La seconda che è stato sbagliato l’orario della gara. A detta di tutti si doveva partire a mezzogiorno per vedere una volta tanto i veri atleti, quelli che più è difficile la gara e maglio è. Insomma con due o tre accorgimenti oggi la classifica sarebbe  davvero diversa…

Ecco le foto dell'evento raccontate dal quel dito magico di Marby.fotocorseinmaremma.com

13 Maggio 2018 Dopo tanto arriva la prima vittoria assoluta anche nel ciclismo, nel giorno dello storico tris. Infatti oltre ad Andrea Bassi nella cronometro di questa mattina a Scarlino, ha vinto anche la polacchina nel podismo a Marina di Grosseto. Ieri la grande impresa di Stefano la Rosa (28.36!) che si è imposto a Ferrara nei 10000 metri che gli è valso il titolo di campione Italiano. Battuto Meucci Daniele (28.38). Mai successo  un filotto così. In serata le classifiche e commenti e foto con Malarby protagonista!

CLASSSIFICA http://www.gformisa.joomlafree.it/

 

6 Maggio 2018 Se qualcuno  pensava che Jo allo stato attuale fosse battibile, ha sbagliato di grosso. Jo è ancora di un’altra categoria e oggi nel fango della bellissima corsa della “Miniera a Memoria l’ha dimostrato. Dal canto nostro continuiamo a promuovere  queste bellissime corse che nonostante tutto sono veramente belle e interessanti, nonostante il tempo che non si avvicina minimamente alla primavera. Sotto la Classifica che vede Jo primo davanti a Boscarini e Lubrano. Ma Fois? Tra le donne bene la polacchina che porta a 505 le vittorie del Marathon Bike  che si impone su Emanuela Grewing e Antonella Ottobrino. Sotto la classifica e le foto scattate questa mattina. Quelle del mago Malarby verranno postate sul suo sito.CLICCAfotocorseinmaremma

FOTO

generale ribolla 2018

2 Maggio 2018 Correre tra vigneti e strade bianche con  scorci panoramici mozzafiato. Tutto questo  offrirà la gara podistica la  “Miniera a Memoria” di km 10,300 in programma il 6 Maggio a Ribolla . La manifestazione organizzata dall’associazione “ Avrai” di Ribolla in collaborazione con  noi del Marathon Bike. Si transiterà nel luogo della grande tragedia del 4 maggio 1954, quando un’esplosione nel pozzo “Camorra” fece 43 vittime  tutti minatori, e tanti feriti.  Sarà presente all’evento il sindaco di Roccastrada Francesco Limatola, il fautore di questa manifestazione, visto che ha insistentemente voluto che questa corsa ritornasse agli antichi splendori. C’è riuscito alla grande! La “Miniera a Memoria” ha un sapore diverso dalle altre gare. Oltre ad essere bellissima sotto l’aspetto paesaggistico, è nata per non farci dimenticare quello che successe 64 anni fa .  Si ricorda inoltre che  ci sarà una camminata nello stesso percorso della gara competitiva e la classica “Walking Dog”, passeggiate di 4 km con il proprio cane, organizzata dal negozio Bravo Pet. Per finire un bel rinfresco e un eccellente pasta party alla fine.  Nella foto in copertina Cristina Gamberi dà RibollaCLICCA2018 (131) che ha incrementato la colonna dei podi con la sua bella prestazione di ieri a Magliano in Toscana. Statistiche Marathon Bike:CLICCAstatis1CLICCAstatiVolantinoCLICCAIMG-20180WA0000

 

1° Maggio 2018 Aspettando notizie più dettagliate sulla gara di Magliano, si posta la classifica generale, dove spiccano le vittorie di categoria di Merlini, Taliani Massimiliano, Landi, Milone e Monestiroli Angelica,( nella foto scattata da Marlaby,) che sommate alle vittorie odierne di categoria di Minelli e Salvi fanno 7. Terza assoluta Cristina Gamberi che continua la sua graduale scalata ai vertici delle classifiche.Ormai non fa più notizia invece Alessio Mazzi che oggi è arrivato terzo assoluto ( la sua prova nella caselle dei podi di quest'anno!). Ormai è pronto per vincere anche gare di rilievo, visto che se a Grosseto ci sono i più forti in circolazione almeno tra Siena-Arezzo-Viterbo e forse Livorno che portano il nome di Jo-Boscarini e Musardo, e anche vero che con le medie che si mette dietro basta fare capolino altrove. Dimanticavo che tra di noi ci sono Tronconi e Di Marzo che prima o poi ritorneranno.

CLASSIFICAgenerale magliano 2018

fotocorseinmaremma.com

30 aprile 2018 Musardo il più bravo, Musardo il più bello, Musardo il più titolato del gruppo. Insomma Musardo è la storia del Marathon Bike, ci vuole poco a capirlo. E' un nostro "fliglioccio". Ma domenica mattina alla Mezza   di Orbetello, ha contravvenuto a uno  dei pochissimi vincoli che un atleta deve attenersi quando firma  e sottoscrive i nostri regolamenti . Stefano nonostante la corsa sia stata anche Uisp, è risultato iscritto come Toscana Futura, la sua squadra Fidal. Niente di drammatico, ma tale da fargli collezionare,( nella sua stracolma bacheca piena di successi), anche un cartellino giallo. Il problema quello per chi per una ragione o per un’altra ha  la “doppia squadra” è una delle cose più simpatiche che hanno voluto  e imposto i nostri capi. Noi  a tal riguardo, abbiamo messo in essere un piccolo regolamento da rispettare. Tutto qui! Passando ad altro si segnalano le foto di Malarby e di Dalmazi di ieri sono disponibili qui sotto. Si altresì che le foto e gli album di Malarby saranno sempre presenti su questo sito.

fotocorseinmaremma.com

FOTO ROBERTO DALMAZI www.fotoincorsa.com

26 aprile 2018 Dopo 14 anni cade anche il “muro” dei tesserati. Mai avevamo avuto 300 iscritti, conteggiati tra il podismo e il ciclismo, cosa che invece si è verificata l’altro ieri. Ecco che dopo il milione di pagine viste di questo sito, le 502 vittorie assolute, viene raggiunto anche questo obiettivo. Il prossimo traguardo sarà il raggiungimento delle 200 gare organizzate che a breve sarà tagliato. Se i numeri contano tantissimo, si segnalano anche le vittorie di categorie di Bassi Andrea nel ciclismo, Taliani Massimiliano e Gaia Monestiroli nel podismo.Qui con la nostra compagine romana composta da Angelica, Piero e Nicoletta. CLICCAGaia Infatti da quest’anno verranno conteggiate pure quelle. Non entra in nessuna colonna statistica del Marathon Bike, ma solo nella sua scheda personale, la bella prova di Alessandro Milone che ha concluso la sua ennesima Ultramaratona ovvero la 50 km di Romagna, con  vista la 100 chilometri del Passatore di maggio prossimo.milo romagna CLICCA Per finire c’è la  notizia che era già nell’aria della convocazione del nostro Stefano la Rosa agli europei di maratona del prossimo agosto. CLICCAla rosa

Sotto la nostra attività ad oggi.

CLICCA STATISTICHE al 26 aprile 1 CLICCAstatistiche al 26

 

23 aprile 2018 GROSSETO – Una settimana da incorniciare quella appena trascorsa per i nostri colori. Iniziamo con la bella vittoria di Stefano Musardo, che si è imposto nella gara di podismo disputata domenica mattina a Grosseto. Con la vittoria ottenuta  da Stefano sommata a quelle di Adriano Nocciolini e Manuela Bandaccheri di qualche giorno fa nel ciclismo, superiamo di slancio le  500 vittorie. Oggi siamo a 502. Non ha vinto nulla ma ha collezionato un’altra straordinaria impresa, Maurizio Agnoletti, detto “Olimpio” con la partecipazione alla 100 chilometri del Tuscany disputata in Val D’Orcia tra sabato e domenica. Cento lunghissimi chilometri fatti di strade sterrate e sentieri, per l’atleta di Marina di Grosseto, non nuova a queste tipi di imprese avendo collezionato anno scorso, anche la “Via degli Dei” di quasi 130 chilometri del tracciato che da Bologna arrivò a Fiesole. Passando alla maratona di Londra, il caldo record, (mai così caldo nelle precedenti 37 edizioni) non ha fermato la corsa del nostro super Fisioterapista Sebastiano Zuppardo, che ha chiuso dopo 3h’46”12. Sempre nella maratona ma quella di Padova, eccellente prova di Daniele Tanganelli, (covata Deborah Santini!) che ha concluso i suoi 42 chilometri e 195 metri, in 3h43'12" abbattendo notevolmente il suo vecchio primato di 4h05”17 ottenuto a New York a novembre di anno scorso. Nei grandi numeri che da sempre  verranno aggiunti anche i podi assoluti conquistati dalla “rivelazione” Alessio Mazzi, giunto secondo a Grosseto a soli due secondi da Musardo. Sempre al decathlon spicca il terzo posto tra le donne di Micaela Brusa , e le vittorie di categoria di Massimiliano Taliani, Bruno Dragoni, Cristina Gamberi, Gisele Hequet. Per finire c’è un altro podio assoluto ottenuto da Luigi Cheli a Castiglione d’Orcia, sabato pomeriggio. Sotto il Link per accedere al sito di Roberto Malarby e le sue foto entrano in casa nostra.Chi dà un servizio meglio di quello di Roby?

MALARBY ROBERTO

FOTO DECATHLON MARATHON BIKE

CLASSIFICA generale

 


TEMPI DI PASSAGGIO MARATONA- MEZZAMARATONA

CALCOLA LA TUA VELOCITA'

Inserisci il tempo e la lunghezza del percorso. Poi, 'CALCOLA' per conoscere la velocità espressa in Minuti/KM e i KM/h.

Ore:
Minuti:
Secondi:
Metri: 
Minuti/KM:
      KM/h:

by Carlo Romagnano

Statistiche gratis
cookie policy